I segreti del Presepe: il mercato che dura 12 mesi

presepe napoletano

 

Il Natale ormai è alle porte, decorazioni luccicanti e preziose adornano le nostre case, ma assieme all’albero di Natale il protagonista indiscusso della casa è il Presepe.

Il Presepe è un simbolo di ciò che realmente si festeggia a Natale, oltre allo scambio di doni, oltre alle renne di led che adornano le strade, il vero motivo di festa nella tradizione cristiana è la nascita del bambin Gesù.

In generale il presepe rappresenta la scena in cui tutti i fedeli accorrono alla grotta per assistere alla nascita: angeli, pastori, re magi. Ma in realtà il simbolo del Natale è esso stesso ricco di piccoli segreti.

Vi abbiamo già raccontato la storia del pastorello Benino, che adorna il presepe in compagnia di molti altri personaggi tra cui pastori con ruoli precisi, mercanti… Infatti il  mercato è proprio la scena che meglio descrive la napoletanità. E chi poteva mai pensarci che in realtà le piccole figure che rappresentano i vari tipi di artigiani hanno un ordine ben prestabilito. Rappresentano infatti i dodici mesi dell’anno nei quali si vendono e si coltivano specifici prodotti.

Il mese di Gennaio è rappresentato dalla figura del macellaio, a seguire Febbraio dal venditore di formaggi, per Marzo c’è il venditore di polli o volatili in generale, per Aprile poi c’è l’ovaiolo, e per Maggio una donna che vende le ciliegie, per Giugno il panettiere, a Luglio il venditore di pomodori, ad Agosto il venditore di cocomeri, a Settembre il contadino, ad Ottobre il vinaio, a Novembre il castagnaro, e infine a Dicembre il pescivendolo.

Sono innumerevoli i segreti che vengono custoditi nel presepe, semplici pastori che ogni napoletano compra per adornare il proprio, raccontano una storia ben definita che assieme alle altre tesse una complicata rete di relazioni che collegano ogni singolo elemento. Un intricato sistema che spinge la persona a guardare il presepe con occhi nuovi, a immaginarsi la storia di ogni singola figura e a ricercare nell’azione descritta, i gesti che ognuno di noi compie ogni giorno.

 

More from Roberta Montesano

Vico Limoncello: dove chi c’è c’è e chi non c’è non c’è

  A Napoli tutto non è ciò che sembra. E’ questo il...
Read More