O’ cane scugnizzo: il mastino napoletano
Nov26

O’ cane scugnizzo: il mastino napoletano

  O’cane scugnizzo, il mastino napoletano: ovvero il monumento vivente. In questo singolare articolo, il mastino napoletano è visto come bene  culturale vivente che, quanto tale, dovrebbe essere tutelato, salvaguardato e  valorizzato. Tra storia,cultura e leggenda, un ritratto inedito del cane da  presa per eccellenza. C’era una volta…. cosi cominciano tutte le favole, una storia imperniata su vari accadimenti  ...

Read More
Il Cartastorie: le vite di Napoli nella carta
Feb06

Il Cartastorie: le vite di Napoli nella carta

Oggi vi raccontiamo un’esperienza bellissima: la nostra visita a il Cartastorie, un luogo magico che racconta le vite della nostra città.

Read More
Sambuca: il suo inventore era napoletano!
Set20

Sambuca: il suo inventore era napoletano!

Questa storia ci è stata inviata dal nostro fan Salvatore Mosca! Tutto nacque dalla cassetta di un acquavitaro… Nel XVII secolo, in pieno dominio borbonico, l’industria del regno avanzava con ritmo serrato. Il settore dei liquori prese piede e, grazie alle influenze straniere (come quelle inglesi), si affinavano le tecniche di produzione e la qualità. Iniziarono a nascere vere e proprie aziende che producevano prodotti di grande fama...

Read More
Un sacrificio di cui si è persa la memoria
Set07

Un sacrificio di cui si è persa la memoria

Mi sono spesso soffermato sulle rovine di un vecchio edificio di cui non ne sapevo nulla. Pietre di tufo che mi hanno poi svelato una storia affascinante. Quella che voglio raccontarvi è la vicenda di un gruppo di uomini coraggiosi che si sono sacrificati per l’amore di un ideale di libertà e democrazia. Teatro di questi avvenimenti è stato il Forte di Vigliena, poco fuori le mura di Napoli nel  ‘700. Oggi di quel forte è possibile...

Read More
La cappella dell’assurdo: Raimondo, nobile e curioso
Set07

La cappella dell’assurdo: Raimondo, nobile e curioso

Cappella Sansevero, luogo rinomato e conosciuto dai più per le cosiddette “statue velate”: il Disinganno, il Cristo e la Pudicizia (scolpite rispettivamente da Francesco Queirolo, Antonio Corradini e Giuseppe Sammartino). Tuttavia, nonostante la fama della Cappella, non tutti conoscono i suoi numerosi misteri. Si potrebbe parlare del fatto che gli scultori moderni, anche avvalendosi delle odierne tecnologie, non sappiano spiegarsi la...

Read More