Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Misericordiella: la chiesa nel cuore della Sanità
Ago01

Misericordiella: la chiesa nel cuore della Sanità

Quel quid lo si può ritrovare magari in altre culture, o in altri paesi. Ma la cosa magnifica è che la maggior parte delle volte il napoletano rimane affascinato da ciò che ha nella propria città. E’ questo il caso della Chiesa della Misericordiella.

Situata all’ingresso della Sanità, questa chiesa ha qualcosa di speciale.

Read More
Il quadro dell’anima dannata alla Sanità
Ago01

Il quadro dell’anima dannata alla Sanità

Il quadro dell’anima dannata alla Sanità. Il legame tra la vita e la morte a Napoli ha sempre avuto forme complicate. Ed anche quando un evento non accade in questa città trova il modo di arrivarci, come se solo qui certe cose avessero senso.

Read More
Stazioni dell’arte: Vanvitelli Stesciòn
Mag25

Stazioni dell’arte: Vanvitelli Stesciòn

Ci troviamo nella stazione che porta al cuore del quartiere Vomero. Le sue uscite sbucano in quattro punti cardini di Piazza Vanvitelli arrivando con dei percorsi sotterranei alle stazioni delle funicolari. La stazione fu inaugurata nel 1993, ma solo nel 2004, al seguito di lavori massicci entrò ufficialmente nell’itinerario delle stazioni dell’arte.

Read More
Il Real Orto Botanico: gli alberi possono insegnare
Apr27

Il Real Orto Botanico: gli alberi possono insegnare

L’Orto Botanico fu fondato nel 1807 da Giuseppe Bonaparte, da un’idea di Ferdinando IV di Borbone nata nel 1799. Nel corso dell’800 si succedettero numerosi direttori che con impegno e dedizione portarono l’Orto a diventare uno dei poli più famosi di Europa.

Read More
Alfonso V d’Aragona: un pozzo per conquistare Napoli
Feb23

Alfonso V d’Aragona: un pozzo per conquistare Napoli

Alfonso V d’Aragona: un pozzo per conquistare Napoli   Benedetto Croce in uno dei suoi racconti ci narra delle avventure di Alfonso V d’Aragona e del modo curioso in cui entrò nella città di Napoli. Ci troviamo in quegl’anni dove gli aragonesi succedettero agli angioini. Ufficialmente il 2 Giugno 1442 la città di Napoli cadde per mano degli aragonesi, al seguito della fuga di Renato d’Angiò. Alfonso entrò...

Read More