Vincenzo Gemito, ‘O scultore pazzo
Lug11

Vincenzo Gemito, ‘O scultore pazzo

Delle volte sentiva il bisogno di tornare a casa, fare un passo indietro per cercarsi e magari ritrovarsi in un piccolo angolo di strada, in quella miseria che era stata messa in ombra dall’accecante bagliore del successo. Questa è la storia di Vincenzo Gemito, l’artista di fine Ottocento, scultore, orafo e disegnatore che non conosceva le sue origini. Affidato alla ruota degli esposti nello stabilimento dell’Annunziata quando...

Read More
Bagnoli 1960, quando le case erano rosse di fumo
Mag30

Bagnoli 1960, quando le case erano rosse di fumo

Bagnoli. Un pontile lungo quasi un chilometro si protende verso il mare regalando ai passanti la possibilità di vedersi circondati da un paesaggio azzurro, in cui il confine tra acqua e cielo si confonde. Il panorama è quello del golfo di Pozzuoli con Ischia e Capri ben visibili a ovest, ma ancora più vicina è Nisida, sembra quasi di poterla toccare. Originariamente questa struttura aveva fini tutt’altro che turistici. Nel 1962 la...

Read More
James Senese e la Tammuriata nera
Mag02

James Senese e la Tammuriata nera

“Quella? E’ una canzone razzista, fai attenzione, non sentire la musica, ascolta le parole” Queste le dichiarazioni James Senese, il famoso suonatore di sax che da oltre cinquant’anni incanta il mondo con la sua musica. È la mattina del 1 Ottobre 1943 quando, finalmente, dopo oltre cento bombardamenti e giorni di estrema ma inarrestabile resistenza, i primi carro armati americani entrano a Napoli.Tuttavia, nonostante le ostilità siano...

Read More
Leopardi e i napoletani: intesa o contesa?
Apr04

Leopardi e i napoletani: intesa o contesa?

Un uomo vestito da poco cammina per via Toledo. Gobbo, avanza senza fretta accompagnando il suo passo con un bastone. Ogni tanto abbandona con fatica quella scomoda ma inevitabile postura ricurva e alza lo sguardo lasciandosi illuminare il volto dai raggi del mattino. Avrà una trentina d’anni, ma quel portamento da mendicante e quel pallore del viso lo invecchiano non poco. È giunto qui a Napoli proprio per questo: curare il malessere...

Read More
Napoli e il culto della melagrana
Feb16

Napoli e il culto della melagrana

Travolti dalla vita frenetica di Napoli spesso non ci rendiamo conto di quante immagini sfuggano ai nostri occhi. Sono simboli, sono misteri che questa città rivela solo a chi sa osservare, a chi cerca, a chi non è mai sazio di scoprire. C’è un frutto in particolare che troviamo rappresentato in numerose opere d’arte: la melagrana. La stringono tra le mani la madonna col bambino nella cappella Minutolo (presso il Duomo) e la donna...

Read More