La storia delle millenarie pietre verdi di Ischia
Apr14

La storia delle millenarie pietre verdi di Ischia

  Il tufo è pelle, corpo e anima di Napoli: il suo colore giallo e le sue caratteristiche eccellenti per l’edilizia ne fecero le fondamenta dell’intera città. Ischia, invece, rimase ben fuori dagli sconvolgimenti dei Campi Flegrei che crearono le immense riserve di tufo napoletano: la famosissima pietra di origine vulcanica, rispettando l’etichetta di “Isola Verde” che da sempre è caratteristica di...

Read More
Acquista prodotti su Amazon ed aiuta a finanziarci il sito!
Mar12

Acquista prodotti su Amazon ed aiuta a finanziarci il sito!

Un appello col cuore per tutti voi che amate Storie di Napoli: Grazie ad Amazon abbiamo la possibilità di sponsorizzare prodotti e, di conseguenza, Amazon donerà a Storie di Napoli una minima percentuale sulle vendite, circa il 3%, per ogni prodotto venduto mediante link. Il nostro intero sito è autofinanziato e non percepiamo soldi da nessuno: sono solo le vostre donazioni e la vostra partecipazione a tenerci in vita! Per voi non...

Read More
Pietrarsa, il sogno perduto di Ferdinando II
Feb06

Pietrarsa, il sogno perduto di Ferdinando II

    Leucopetra Il suo nome originale era “Leucopetra” o “Pietrabianca” ed era una spiaggia magnifica sulle rive di Portici famosa per la sua sabbia e gli scogli dal colore bianco, almeno fino al 1631. L’eruzione del Vesuvio di quell’anno fu infatti tanto devastante da far avanzare la costa della riva di Portici di diversi metri, trasformando la sabbia fine, chiara e delicata in una distesa...

Read More
Quando Ian Fleming portò James Bond a Napoli
Dic03

Quando Ian Fleming portò James Bond a Napoli

Ian Fleming, il padre di James Bond, viaggiò nel 1960 a Napoli e le dedicò un capitolo del libro “Thrilling Cities”, in cui parlò con toni catastrofici della città

Read More
L’amore di una madre nella chiesa dei Santi Severino e Sossio
Ott03

L’amore di una madre nella chiesa dei Santi Severino e Sossio

  L’amore di una madre, si sa, è quanto di più grande ed inestimabile possa esser donato ad un figlio. Ed è proprio una storia di amore quella che si legge in una iscrizione tanto rovinata da essere quasi illeggibile:   Visitatore, di una misera deplora il miserevole abbandono. Sono io quella Ippolita Monti che fu sposata da Ugo Sanseverino, da lui ebbi tre figli dal futuro eccellente. E loro -oh, che scelleratezza!-...

Read More