Piazza Bernini o piazza Fanzago?

Piazza Bernini o piazza Fanzago? Questo è il dilemma. I napoletani non ricordano più il suo vero nome a causa di una diatriba con la strada adiacente...

Piazza Bernini o piazza Fanzago? Qual è il suo nome reale? Spesso accade a Napoli che una strada o una piazza non vengano chiamate col proprio nome reale, e questo è uno di quei casi.

Quella nota a tutti come piazza Bernini in realtà ha un nome diverso, e la dedica al Bernini non è altro che il suo nome antico, un nome mai trascritto su una targa, che passava di bocca in bocca durante i tempi antichi tra i villeggianti del Vomero, ma che comunque non riporta la reale denominazione: ovvero piazza Cosimo Fanzago. Eppure ci sono ben due targhe oggi che evidenziano il reale nome della piazza. Il nome di Fanzago, prima di essere assegnato alla rotonda vomerese, già circolava in zona: lo abbiamo trovato fra le due guerre nel rione Santa Chiara. La sua realizzazione era prevista fino dal Piano di urbanizzazione dell’Arenella del 1926 redatto dalla Società del Risanamento come “piazza quadrangolare”.

C’era un tempo in cui il suo nome per i napoletani era semplicemente piazza Bernini, ma ciò dovrebbe essere storia passata, poiché dobbiamo rifarci all’inizio del secolo scorso. Prendeva il nome dell’artista Bernini perché c’era la strada adiacente che portava alla piazza che aveva questo stesso nome: solo che a quei tempi non c’erano targhe, le strade di queste zone prendevano i nomi dalle dicerie popolari e così questa piazza, per tutti, era piazza Bernini. Ma è stata la costruzione del vicino ponte che ha permesso l’abbattimento del muro che nel secolo scorso si trovava all’imbocco di via Mario Fiore e che ha dato a questa zona le sembianze di una vera piazza.

Diamo giustizia al povero Fanzago. Cosimo Fanzago interpretò in maniera originale e creativa il barocco napoletano, apportandovi una vena naturalistica particolare.

Per intenderci, a lui dobbiamo: la fontana del Sebeto, la porta del Tesoro di San Gennaro, la balaustra della fontana del Nettuno, oggi a piazza Municipio, molte opere della Certosa di San Martino (in particolare i teschi), il Palazzo Zevallos di Stigliano in via Toledo e molto altro ancora. La piazza, durante il Novecento, si riempì di bar e negozi perché si pensava che era prevista una stazione della Metropolitana negli anni ’50. Una simile diatriba se la contendono anche i Bernini. Strani, certe volte, i criteri toponomastici ufficiali. Via Gian Lorenzo Bernini era inizialmente chiamata col nome di via Bernini e anche l’antica targa, che era possibile leggere, recitava così. Non era mai stato chiaro a chi dei due Bernini fosse riferita. Gian Lorenzo, nome ufficiale di oggi, sappiamo che è nato a Napoli, ma fondamentalmente ha vissuto la sua vita gloriosa d’artista a Roma, non lasciando benché minima opera nella città che gli ha dato i natali. Il padre toscano Pietro Bernini, invece, lavorò molto a Napoli, costruendo le statue che adornano la statua del Nettuno e la fontana dell’Immacolatella, le statue sulla facciata della cappella di Monte di Pietà in San Martino e soprattutto gli ornamenti della biblioteca dei Gerolamini.

Ergo, sarebbe più giusto chiamarla via Dei Bernini piuttosto che Gian Lorenzo. Chissà se non fosse stato proprio questo lo scopo iniziale.

More from Francesco Li Volti

Ismāʿīl: il Pascià che soggiornò a Posillipo

Ismāʿīl Pascià fu viceré e poi primo chedivè d'Egitto tra il 18...
Read More