Funiculì Funiculà: lo spot per salire sul Vesuvio

Funiculì Funiculà fu composta nel 1880 per promuovere la neonata Funicolare Vesuviana, che inizialmente non riscosse molto successo fra i turisti...

“Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà”… chi non ha mai canticchiato queste parole? Forse “Funiculì Funiculà” è la canzone napoletana più ascoltata e più riadattata che sia mai stata scritta. Venne interpretata anche da grandi tenori, quali Mario LanzaLuciano PavarottiAndrea Bocelli, Muslim Magomaev e molti altri; è stata utilizzata all’interno di numerose pellicole cinematografiche quali Shine (1996), dove un magistrale Geoffrey Rush la canterà mentre suona il pianoforte durante un matrimonio (ruolo che gli permetterà la vittoria dell’Oscar).

Certamente il ritornello di Funiculì Funiculà è un vero e proprio tormentone ed è un segno di riconoscimento per Napoli e l’italianità. Ma quando si incomincia a cantare Jamme, jamme ncoppa, jamme jà, dov’è che si va precisamente? La risposta è semplice: sul Vesuvio!

Circa 100 anni fa esisteva a Napoli un mezzo di trasporto che era in grado di collegare la cima del Vesuvio con la città. Questo era l’unico impianto al mondo ad arrampicarsi su di un vulcano attivo. Già nel 1870, quando il Vesuvio era visitato esclusivamente a piedi o a dorso di mulo, l’ingegnere ungherese Ernesto Emanuele Oblieght affidò agli ingegneri Galanti, Sigl e Wolfart l’incarico di studiare un sistema che permettesse la salita al cono stando comodamente seduti.

La storia di Funiculì Funiculà coincide con l’inaugurazione della funicolare vesuviana, costruita nel 1879 e ultimata nel 1880. Inizialmente erano pochi gli avventori che si precipitarono su questo mezzo rivoluzionario. I turisti erano preoccupatissimi e non avevano intenzione di salire sulla nuova funicolare per raggiungere la cima del Vesuvio, preferendo il percorso a piedi. Per questa ragione fu commissionata una canzone al giornalista napoletano Giuseppe Turco e al musicista Luigi Denza (direttore del Conservatorio musicale di Londra), con l’obiettivo di promuovere l’originale mezzo di trasporto. Turco era un abile scrittore e, pur non citando mai ne il Vesuvio ne la Funicolare, riuscì a far cantare tutta Italia un testo dedicato alla Funicolare. Il brano fu pubblicato dalla casa editrice Ricordi, la stessa che lanciò e promosse Gioacchino RossiniVincenzo Bellini e Gaetano Donizetti.

Si può affermare tranquillamente che Funiculì Funiculà sia stata la prima canzoncina che servì come pubblicità ad un prodotto, in questo caso alla Funicolare. Quindi quando avete una melodia in testa che avete ascoltato in televisione durante uno spot, sappiate che Funiculì Funiculà è stato il primo tormentone in assoluto nella storia d’Italia.

Per onor di cronaca dobbiamo informarvi che la Funicolare Vesuviana fu chiusa prima nel 1906, poi riaperta nel 1909 e infine chiusa definitivamente nel 1943.

La canzone fu presentata per la prima volta a Castellammare di Stabia, nella Reggia di Quisisana e poi partecipò il 6 giugno del 1880 al Festival di Piedigrotta, riscontrando immediatamente un gran successo fra il pubblico. All’interno del testo ci sono diversi riferimenti all’emozione che può provocare la salita sul Vesuvio ed è per questo che vi proponiamo integralmente le parole utilizzate da Turco per questo magnifico componimento, un inno alla Funicolare Vesuviana.

Aisséra, oje Nanniné, me ne sagliette,
tu saje addó, tu saje addó
Addó ‘stu core ‘ngrato cchiù dispietto
farme nun pò! (Farme nun pò)
Addó lu fuoco coce, ma se fuje
te lassa sta! (Te lassa sta!)
E nun te corre appriesso, nun te struje
sulo a guardà (sulo a guardà).

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Né, jamme da la terra a la montagna!
Nu passo nc’è! Nu passo nc’è!
Se vede Francia, Proceta e la Spagna…
Io veco a tte! Io veco a tte!
Tirato co la fune, ditto ‘nfatto,
‘ncielo se va, ‘ncielo se va.
Se va comm’ ‘a lu viento a l’intrasatto,
guè, saglie, sà!

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Se n’è sagliuta, oje né, se n’è sagliuta,
la capa già! (La capa già!)
È gghiuta, po’ è turnata, po’ è venuta,
sta sempe ccà! (Sta sempe ccà!)
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte! Attuorno a tte!
Stu core canta sempe nel taluorno:
Sposamme, oje né! Sposamme, oje né!

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

More from Francesco Li Volti

La prima (Napoli-) Salerno- Reggio Calabria? Il ponte della Maddalena

Il ponte della Maddalena ha una storia incredibile che comincia in epoca...
Read More