“Stamm io, tu e Pino Mauro”… ma perchè?

Giuseppe Mauriello, in arte Pino Mauro, nasce il 2 gennaio 1932 a Villaricca. Ha fatto la storia della sceneggiata e della musica classica di Napoli...

Tra i tanti modi di dire che esistono a Napoli, spicca certamente per originalità e melodia “Stamm io, tu e Pino Mauro“. Bisogna però fare una premessa. Il buon Pino Mauro esiste. Anzi, bisogna dire che ha fatto la storia della musica classica napoletana e della sceneggiata, al pari di Mario Merola.

Giuseppe Mauriello, in arte Pino Mauro, nasce il 2 gennaio 1932 a Villaricca; la sua carriera inizia molto preso negli anni Cinquanta grazie alla partecipazione a numerosi festival canori della canzone napoletana. Sarà negli anni ‘70 che il cantante si cimenta anche nell’arte della recitazione dedicandosi alla sceneggiata napoletana, portandone addirittura una in Rai con “Ammore e Gelusia“, regia di Velia Magno. Si è anche dedicato ad un tour internazionale nei lontani anni ‘90. L’artista non si è mai realmente fermato in quanto anche durante i primi anni del nuovo millennio è stato presente sulle scene. Ha preso parte anche al video musicale dei Co’Sang intitolato Fin Quanno Vai ‘Ncielo e nel 2007 ha riportato l’ antica arte della sceneggiata al Teatro Trianon con lo spettacolo ‘O Schiaffo. Insomma, è un’ artista instancabile, che ancora oggi cerca di riportare in auge l’ antica tradizione musicale napoletana.

Stamm io tu e Pino Mauro” ( la variante è “sul tu e Pino Mauro“) è un modo di dire che indica l’assenza di probabili partecipanti ad un evento o quando si vuole evidenziare la scarsità di persone durante una occasione. Questa locuzione nasce da una leggenda che si tramanda da bocca in bocca, ma che probabilmente è più di una semplice diceria. Mauro doveva esibirsi in un concerto di piazza e sembra che durante quella serata fosse presente soltanto uno spettatore. Pare che il cantante decise di non cantare e preferì invitare a mangiare una pizza quell’ unico fan che si era comodamente seduto, in attesa dell’ esibizione del suo beniamino.

More from Francesco Li Volti

Il mito del cavallo Napoletano, invidiato da tutto il mondo

C’era un tempo in cui Napoli era celebre perché allevava il miglior...
Read More