San Martino

San Martino

Il suono è dolce,
chiudo gli occhi su di esso
mi accompagna fino al mattino
e allo schiarir del giorno
trovo nella mano
il tuo dolce sonno
che ha le fattezze
di un’orchidea
e candidamente la riporto a te.
A San Martino,
giuro,
ho toccato il cielo con le mani.
Svegliati,
sporchiamoci le dita
il cielo è un foglio
dipinto con tempera azzurra
da vecchi artisti sognatori.
A San Martino,
giuro,
ho toccato il cielo con le mani
e tu dormi accanto a esso,
il suono è dolce,
il tuo respiro
l’orchidea sul tuo petto
l’accarezzo e la sporco di azzurro,
su questo cielo ci gioco tutto il mio amaro.
Dormi dolce,
dormi bene.
A San Martino,
te lo giuro ancora,
ho toccato il cielo con le mani
e accarezzo forte,
più forte ancora il tuo petto
perché questo colore è leggero
e aspetto il tuo risveglio
per baciarti le palpebre
e mostrarti le mie dita
sporche di amori passati
che ora appartengono a noi.

Loris Avella

 

Foto di Federico Quagliuolo

 

 

More from Roberta Montesano

I segreti del Presepe: il mercato che dura 12 mesi

  Il Natale ormai è alle porte, decorazioni luccicanti e preziose adornano...
Read More