Il primo Festival di Sanremo si chiamava Festival Napoletano

Il Festival di Sanremo ha segnato il punto di partenza, ma anche di arrivo, per la maggior parte dei cantanti e musicisti italiani che volevano fare della musica il loro pane quotidiano. Dal mitico Lucio Dalla alla giovanissima Mimì Bertè (Mia Martini), sono stati tantissimi i nomi dei cantanti annunciati al Festival della canzone italiana. Ma siamo sicuri che il Festival di Sanremo non abbia origini un po’ più meridionali?

Molto probabilmente i nonni napoletani ricorderanno con orgoglio la locandina del Festival Napoletano al Casinò Municipale di Sanremo che si svolse dal 24 dicembre 1931 al primo gennaio 1932. Il Festival Napoletano fu organizzato da un gruppo di poeti e musicisti provenienti da Napoli, con a capo Ernesto Murolo (padre di Roberto) ed Ernesto Tagliaferri, con lo scopo di esportare la canzone napoletana oltre i confini campani e del Sud, sperando vivamente di rilanciare questa musica in tutto il mondo.

 

 

Ernesto Murolo fu il direttore artistico, Ernesto Tagliaferri si occupò di dirigere l’orchestra ed i commenti musicali; i cantanti in gara erano delle voci già molto apprezzate. L’orchestra era unica (e non cambiava mai) e le canzoni in gara non erano inedite come oggi. Nella prima edizione del Festival Napoletano del 1932 le canzoni presentate erano la maggior parte una specie di tormentoni dell’epoca, ascoltate svariate volte ai festival minori ,come ad esempio quello di Piedigrotta, oppure anche dei grandi classici; chiaramente non mancava qualche pezzo nuovo scritto dal duo Murolo- Tagliaferri. I cantanti erano soliti danzare su delle coreografie in compagnia dei figuranti, spesso coreografie di danze popolari come la tarantella o la tammurriata.

Grazie alle sue importanti amicizie, Murolo riuscì a formare un nutrito cast di big canori, tra cui spiccavano i nomi di Nicola Maldacea, re indiscusso della macchietta e del Cafè Chantant; si racconta che fosse ossessionato dal gioco e che in quell’ occasione perse in poche ore alla roulette tutto suo il gettone d’ingaggio; Ada Bruges, una popstar italiana dell’epoca, proveniente da una trionfale tournèe americana; la ventiquattrenne Milly, una delle prime a fare il proprio debutto con la celluloide, Giorgio Schottler, famoso, in particolar modo, per aver duettato con Enrico Caruso; Ferdinando Rubino, un artista moderno, poiché si alternava tra musica, cinema e teatro; Vittorio Parisi, futuro insegnante di canto di Sergio Bruni. Fra i nomi illustri della sezione giovanile, invece, non si possono dimenticare Carlo Buti e Carmencita.

Oltre all’ottimo gruppo di cantanti, la direzione artistica si servì dell’intervento di sedici ballerini di tarantella, nonché del noto attore teatrale Salvatore De Muta, l’ultimo grande Pulcinella, che, insieme a sua moglie Rosa, recitarono dei brani di Pulcinella e Colombina. Napule ca se ne vaper certi versi un titolo alquanto profetico, chiuse la serata finale del Festival, tra gli applausi di un pubblico commosso.

L’edizione successiva si svolse a Lugano per poi tornare direttamente nel 1952 dopo la guerra con il nome di Festival di Napoli ( modificato in Festival della Canzone Napoletana, per ragioni televisive) ed andò addirittura in onda sulla Rai fino agli anni ’70. Un anno prima ci fu il debutto ufficiale del Festival di Sanremo.

 

 

Di seguito la lista dei cantanti in gara alla prima edizione del Festival Napoletano con le loro canzoni:

 

 

‘A frangesa                                    (Costa)                Ada Bruges

‘A pacchianella d’Uttaiano   (Capurro-Giannelli)      Carmencita

‘A surrentina                        (G.B. & E. De Curtis)     Milly – Armando Falconi

Adduormete cu’ mme         (Murolo-Tagliaferri)      Carlo Buti

Ammore canta                    (Murolo-Tagliaferri)      Vittorio Parisi

E ddoie catene                    (Murolo-Tagliaferri)      Carmencita

Funiculì funiculà                  (Turco-Denza)               Ferdinando Rubino

Int’a n’ora Dio lavora          (Murolo-Tagliaferri)       Clara Loredano – Pina Gioia – Lola Verbana

Lariulà                                 (Di Giacomo-Costa)       In coro tutto il cast

Marechiaro                         (Di Giacomo-Tosti)         Vittorio Parisi

Muntevergine                    (Cinquegrana-Valente)   Mario Pasqualillo – Ferdinando Rubino – Alfredo Sivoli

Napule                              (Murolo-Tagliaferri)         In coro tutto il cast

Napule ca se ne va           (Murolo-Tagliaferri)         Alfredo Sivoli

‘Nbraccio a mme              (Murolo-Tagliaferri)         Ferdinando Rubino

‘O cunto ‘e Mariarosa       (Murolo-Tagliaferri)         Ada Bruges

‘O paese d”o sole             (Bovio-D’Annibale)          In coro tutto il cast

‘O sole mio                       (Capurro-Di Capua)         Mario Massa

Paraviso e fuoco eterno   (Murolo-Tagliaferri)        Mario Pasqualillo

Serenatella amara            (Bovio-D’Annibale)         Giorgio Schottler

Torna a Surriento              (G.B. & E. De Curtis)        Vittorio Parisi – Ferdinando Rubino

Totonno ‘e Quagliarella    (Capurro)                        Arturo Gigliati

Ve chiammate                   (Murolo-Valente)           Nicola Maldacea – Milly

Voce ‘e chitarre                 (Murolo-Tagliaferri)         Clara Loredano

 

Disegno di Emanuel D. Picciano

 

Author: Francesco Li Volti

Giornalista con la passione per la storia e per la legalità, sono per metà siciliano, per un quarto spagnolo e per un altro quarto tanzaniano. Sogno una Napoli priva di parcheggiatori abusivi, di saccenti e di youtubers. Non uso social, possiamo parlare tranquillamente da vicino se ti va di scambiare due chiacchiere. O se vuoi sentire il mio pensiero, puoi leggermi.

Share This Post On