Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Ferma alla fermata di Piazza Dante

Un giorno come tanti, ferma alla fermata.
E un autobus che come una ragazzina ancora spettinata, si lascia attendere.

I pensieri si accavallano, si abbracciano, si distruggono quando sono costretti a lasciarsi andare, a ripiombare nella mente senza essere chiamati.

Che poi chi sa cosa vuol dire Dante, con quel braccio alzato in mezzo alla piazza. Se sta lì ad indicare qualcuno o qualcosa, o solo a rimproverare quei ragazzi scalmanati che lo utilizzano impunemente come limite della porta di un campo da calcio. Sai quante pallonate avrà preso.
Se ha mai rischiato che gli cadesse l’alloro. Che poi chi sa se io invece lo indosserò mai.
E chi ha voglia di studiare per gli ultimi esami.

Quel professore non dovrebbe essere già felicemente in pensione?
Mi pare che il bidello bassino con gli occhiali del liceo sia stato traferito a Bolzano.
Uh, è l’una e un quarto.

Fosse stato qualche anno fa sarei fuori scuola, sotto l’Obelisco del Gesù a lamentarmi del compito di latino che non avrei saputo fare e a raccontare a Giulia di come si chiamava… ah sí, Guido, quello carino della IV C, con gli occhi leggermente a mandorla.
Mi pare si sia iscritto a ingegneria per poi appendere tutto e fare il gelataio in Germania.

Che poi, non me ne si voglia, ma proprio a Düsseldorf te ne vai a vendere il gelato, dove probabilmente farà freddo pure ad agosto.
Invece qui un caldo oggi, ma davvero siamo già a giugno?

Sicuro se sabato vado in costiera a prendere un po’ di sole piove.
Quei ragazzi con la cartina in mano chi sa da dove vengono, se hanno bisogno di una mano. Impacciatissimi appena usciti dalla metro, probabilmente cercano il centro. Ora mi avvicino.

Ah, se ne vanno via, peccato. Sarà per la prossima. Certo che Napoli ultimamente è stracolma di turisti. Da qui solo io ne vedo tre a fare un selfie di fronte il Convitto.

Sta moda dei selfie mi rimarrà sempre oscura.
“Signora si vuole sedere?”Grazie assaje nennè, sta arrivann o pullmàn
Davvero, di già? Ma che ore sono? Quasi le due, chi sa che si mangia oggi…

Lidia Vitale

Author: Lidia Vitale

Di formazione classica, studio Architettura all'università di Napoli Federico II. Sono innamorata di tutte quelle cose che riescono a lasciare un segno: le pietre, le parole, i luoghi, i momenti, i sapori, le figure, lo stesso e il diverso.

Share This Post On