La bella mbriana, il giovane spirito che governa la casa

Sono solo leggende ci ripetiamo, quelle misteriose e allo stesso tempo affascinanti storie , sono soltanto frutto di un’invenzione. Eppure qualcosa c’è. Qualcosa che fa sì che queste storie, passino attraverso milioni di bocche di popolani, riempiano i discorsi più vari per diventare poi… quasi realtà.
Quella della Bella mbriana è proprio una di queste storie, una delle più belle.
Nel recente passato tutti conoscevano la bella mbriana e ancora oggi c’è chi crede fortemente nella sua esistenza.
Ma chi è la bella mbriana?

rido

Si tratta dello spirito della casa, dell’angelo del focolare. Il nome deriva probabilmente dal latino “meridiana“. Infatti sembra che questo spirito compaia, a suo piacimento, nelle ore più luminose del giorno o di sfuggito nella ” controra”.
Non si fa vedere, eppure i pochi fortunati, la descrivono come una donna dalle meravigliose sembianze. Una giovane donna, dal viso sereno e dolce, uno spirito riservato che fugge dagli occhi dei comuni mortali.
La puoi riconoscere nel soffio di vento che fa muovere la tenda, o in un ombra insolita che si fissa sulla parete,nient’altro che una fugace e intensa apparizione.Se ti capitasse di vederla, guardati bene dal toccarla. Si dice che la sfuggente parvenza al tocco umano metta le ali e si trasformi in una meravigliosa farfalla. Secondo altre voci invece questo spirito si reincarnerebbe in un geco.Per questo motivo i napoletani considerano la piccola lucertola un animale ben accetto e proprio per il suo legame con la misteriosa fata non osano cacciarlo via.

La bella mbriana è stata considerata per anni un membro aggiunto della famiglia. Gli anziani solitamente preparavano per lei un posto in più a tavola e una sedia vuota se avesse voluto riposare. La salutavano entrando in casa, come si fa con una madre o un padre: “Buonasera, bella’mbriana mia ”. La invocavano nei periodi in cui si soffriva maggiormente la fame, come si fa con un Dio.
Tutte le cortesie possibili pur di tenerla tranquilla. Si perchè questo angelico spirito che veglia e protegge la casa, può diventare, se non le si dimostra gratitudine, un vero e proprio tormento.

Se non volete che il suo favore vi venga meno ricordate che (come ogni donna) gradisce una casa pulita e in ordine. Se avete intenzione di traslocare, parlatene fuori casa, perchè la bella mbriana tutto ascolta. Ma soprattutto la leggenda vuole, che se qualcosa mai dovesse infiammare le sue ire potrebbe anche arrivare ad uccidere un membro della famiglia. Ma sono solo leggende, non è così?

Che si tratti di una farfalla, un geco o una donna capricciosa, la bella mbriana sarà per sempre ( che voi ci crediate o meno) una delle leggende napoletane più fortunate, al pari del munaciello e della janara.

Illustrazione di Alex Amoresano

-Roberta Ibello

Dedicata a Vincenza Davino

Seguici su Facebook!

More from Roberta Ibello

L’Italiano a Napoli: i fenomeni linguistici più frequenti

L’italiano è una lingua che, in ogni regione, trova nuove interpretazioni e...
Read More