La scalinata segreta di palazzo Mannajuolo

palazzo-mannajuolo

Palazzo Mannajuolo è uno degli edifici diventato fra i più famosi di Napoli, grazie a Napoli Velata di Ozpetek.

A chi non è capitato di percorrere via dei Mille, eppure c’è un particolare che non tutti avranno notato, che se ne sta rintanato nell’atrio di un palazzo come un segreto.

Nel cuore di Chiaia, in via Filangieri 36, troviamo palazzo Mannajuolo, che da qualche anno ne ha compiuti cento di vita ed è custode di una vera e propria chicca dello stile Liberty.

L’edificio è un’opera di Giulio Ulisse Arata, brillante architetto che lo ha realizzato e progettato nel 1910, con la collaborazione dell’ingegnere nonchè proprietario Giuseppe Mannajuolo.

Il palazzo è quello che chiude via dei Mille, scendendo da piazza Amedeo ve lo trovate di fronte. Una costruzione che fa angolo, un corpo di fabbrica esteso ma di incredibile leggerezza nonostante il cemento armato, i fregi, lo stucco, il ferro e le teste di medusa.

Il vero capolavoro però è la scala, quel famoso segreto di cui vi parlavo e che vedete in foto: percorrendo il corridoio di accesso, sulla sinistra, non si intuisce a pieno la spettacolarità ma non appena si alzano gli occhi ci si sente come in un risucchio avvolgente; un’unica rampa, un corpo ellittico e gradini a massello di marmo sagomato, illuminata dall’alto da un cupolino in ferro e vetro.

Interessanti sono anche le ampie superfici vetrate del primo livello e la semicupola belvedere all’apice della costruzione.

La prossima volta che scendete via dei Mille, fateci caso ed entrate pure a dare uno sguardo.

Un mix tra Liberty, fiori, arabeschi in una delle arterie residenziali per eccellenza.

Mariagiovanna Guillaro

More from Mariagiovanna Guillaro

Palazzo Zevallos: Caravaggio e non solo

Napoli, via Toledo. Il palazzo Zevallos, dalla storia travagliata, rapisce con le...
Read More