Storie di Napoli e Vincanto: il nostro primo, grande, successo

Serata Vincanto Storiedinapoli

Storie di Napoli e Vincanto è stato un doppio incontro indimenticabile.

Dopo il tutto esaurito di Aprile, siamo tornati di nuovo a Pompei per festeggiare di nuovo di fronte ad un locale pieno, con il cellulare che, nei giorni precedenti, squillava dalla mattina alla sera, liste lunghissime di prenotazioni richieste da fan della pagina, amici, parenti e tutti quelli che, al suono di “Storie di Napoli“, sono accorsi immediatamente.
Ed eccoci qui, in un ristorante come tante altre volte, ma con un ruolo differente: tutti ci guardano, ci aspettano, vogliono vederci raccontare le storie che ci hanno unito, in un locale che ha fatto il tutto esaurito in poche ore dall’annuncio della serata.
Quella gente è lì per noi. Si tratta di sconosciuti misti a parenti ed amici, anche se in quel momento i legami diventano una cosa secondaria, perché tutti sono accomunati da un solo sentimento: ci vogliono bene per due righe e qualche foto su un sito web, per una emozione o un ricordo che gli abbiamo regalato.
Nel locale di Vincanto ci fermano, ci chiedono informazioni, ci ringraziano per ciò che abbiamo fatto, come se il nostro gesto fosse quasi inconcepibile: a vent’anni raccontiamo storie anche a persone che hanno il doppio o il triplo della nostra età. Tutti ci guardano incantati, mentre noi raccontiamo quattro delle nostre storie preferite, fra una deliziosa portata e l’altra.
La fine della serata è stata un successo: le nostre prime voci palpitanti per l’emozione si sono trasformate in commozione, la serata si è chiusa in mille applausi di un pubblico felice per il nostro incontro di cultura. Noi siamo ancora increduli.

La locandina delle nostre ultime due serate

Il nostro sogno è nato 30 Maggio 2014, con una storiella scritta sotto una delle tante fotografie “da turista” scattate in giro per Napoli, durante un giro fra amici. Nulla di impegnativo, nulla di particolare: tanti commenti di amici che dicevano “perché non crei una pagina di Facebook in cui raccogli le tue foto?” “Perché non mi porti a visitare quel luogo?“.

Dopo aver creato la pagina, subito arrivarono le prime voci negative.

“Non è nulla di nuovo, raccontare storie è una cosa fatta da altre cento persone prima di voi“: in effetti, le pagine che parlano di Napoli sono centomila, le pagine di fotografia sono cento milioni e tutti affermano di essere i migliori nel loro settore. Abbiamo avuto (ed avremo!) tanti attimi di sconforto di fronte ad una strada durissima e piena di ostacoli e scorrettezze, in cui spesso sembra che vinca chi fa il gioco più sporco, censurandoci, rubando i nostri contenuti e le nostre idee. Abbiamo però scelto di continuare testardamente solo per passione: raccontiamo ogni storia con i nostri soli sforzi, dalle fotografie alle ricerche: i commenti ed i consigli di chi ci ha letto ci migliorano e ci aiutano a correggere i nostri difetti.

Le brutte voci incalzarono: “Chi vi leggerà mai? Che credibilità hanno dei ragazzi di vent’anni?“. In un solo anno siamo diventati il sito culturale su Napoli più letto ed apprezzato e ci apprestiamo a festeggiare i 20.000 fan.

Siamo felici, entusiasti, increduli dei nostri risultati. E speriamo di continuare sempre così, sognando e crescendo assieme a voi, che ci leggete e ci apprezzate.

Un ringraziamento speciale va a Yuri Buono, il proprietario di Vincanto, per aver creduto in noi, sperando di incrociare di nuovo le nostre strade in futuro. Non devono mancare neanche i ringraziamenti a tutte le persone che abbiamo incontrato e che ci hanno dato sempre supporto, anche solo con un bel messaggio di incoraggiamento.

Sperando di ritrovarci di persona per nuove serate in qualche bel luogo d’incontro a Napoli, vogliamo lanciare un grande, grandissimo abbraccio a tutti voi, amici, che ci seguite con affetto.

P.S.
Se avete idee da proporci, siamo tutt’orecchi! Contattateci su [email protected]

More from Federico Quagliuolo

Emanuele De Deo, il ragazzo che morì in nome della rivoluzione napoletana

Poco più di 200 anni fa moriva Emanuele De Deo, il primo...
Read More