Un Jurassic Park tutto napoletano: il Museo di Paleontologia

Il Museo di Paleontologia di Napoli regala suggestioni uniche, un viaggio a ritroso di milioni di anni, in ere in cui non c’era spazio per l’uomo. Questo è un museo eccezionale e merita di essere conosciuto e lodato, non solo per l’eccezionale varietà e rarità dei suoi reperti, ma anche per l’incredibile valore artistico e architettonico del contesto che lo ospita.

11287648_10205353608871456_1079260917_o

Credete che l’unico modo per immergervi nel mondo dei dinosauri sia solo grazie ai film di Steven Spielberg? Ebbene vi sbagliate! Infatti nella nostra meravigliosa e incredibile città esiste un luogo dedicato proprio ai maestosi rettili che hanno popolato il nostro pianeta milioni e milioni di anni fa.

Dove ci troviamo dunque? Al Museo di Paleontologia di Napoli! Il museo si trova in un bellissimo complesso conventuale dedicato ai Santi Marcellino e Festo, in largo San Marcellino. Esso fa parte del complesso museale dell’Università di Napoli ed oltre ad essere un luogo di eccezionale valore scientifico è incastonato in una scenografia spettacolare. Infatti il Chiostro antistante, edificato tra il 1567 e il 1595, risulta essere uno dei più importanti esempi di architettura claustrale di Napoli.

Il museo fu creato nel 1932 e acquisì molti reperti,  alcuni acquistati da Arcangelo Scacchi e Matteo Tondi, direttori del Real Museo di Mineralogia, altri invece acquistati dai direttori del Museo di Geologia, Guglielmo Guiscardi e Francesco Bassani . Il primo direttore del museo fu Geremia D’Erasmo, il quale riuscì, col il suo straordinario impegno, a incrementare notevolmente il numero dei reperti.

Ad oggi si calcolano quasi 50.000 reperti; la maggior parte di questi risale al 1800 quando dal Museo Mineralogico furono acquisiti non solo minerali ma anche fossili scavati in maggior parte nel Sud Italia. Di grandissimo rilievo nel museo è l’Allosauro che, acquistato nel 1996, esposto nella prima sala e ingegnosamente sospeso con dei cavi per non danneggiare il meraviglioso pavimento maiolicato, risulta essere l’unico scheletro di dinosauro completo presente nel sud Italia.

Il Museo di Paleontologia di Napoli regala suggestioni uniche, un viaggio a ritroso di milioni di anni, in ere in cui non c’era spazio per l’uomo. Questo è un museo eccezionale e merita di essere conosciuto e lodato, non solo per l’eccezionale varietà e rarità dei suoi reperti, ma anche per l’incredibile valore artistico e architettonico del contesto che lo ospita.

– Gaia Borrelli

Seguici su Facebook!

Written By
More from Gaia Borrelli

La ruota degli esposti: i “figli d’anima” dell’Annunziata di Napoli

Storie di difficoltà, storie di disperazione, storie di abbandono. Anime senza speranza...
Read More