Il Castello Aragonese di Baia

Il castello venne fatto edificare da Alfonso II d’Aragona e la sua costruzione si ascriveva ad un piano più ampio di fortificazione delle coste dell’Italia meridionale , per preservarle dagli attacchi dei pirati saraceni. Per la sua edificazione il re si affidò all’architetto Francesco di Giorgio Martini, che si era già occupato dei lavori per rinforzare le cinta murarie dell’attuale Maschio Angioino.

Castello Aragonese di Baia

Il Golfo di Pozzuoli , circondato da morbide colline modellate, nel corso dei millenni ,dall’attività vulcanica di questa focosa terra, è dominato da una maestosa costruzione, il Castello Aragonese di Baia.

Già in epoca romana questa collina era occupata da un complesso residenziale ; Tacito  riporta che la villa di Cesare sorgeva su un’altura dominante il Golfo di Baia; è quindi molto probabile che tale complesso corrisponda alla villa del grande imperatore romano. Cosa resta però oggi di tale costruzione ? Ben poco purtroppo , poichè  gran parte dei resti andarono perduti durante i lavori di costruzione della fortezza.

Il castello venne fatto edificare da Alfonso II d’Aragona e la sua costruzione si ascriveva ad un piano più ampio di fortificazione delle coste dell’Italia meridionale , in maniera tale da preservarle dagli attacchi dei pirati saraceni. Per la sua edificazione il re si affidò all’architetto Francesco di Giorgio Martini, che si era già occupato dei lavori per rinforzare le cinta murarie dell’attuale Maschio Angioino.

Oggi purtroppo sono quasi scomparse le tracce della primigenia architettura della fortificazione, in quanto questa è stata radicalmente modificata durante il periodo del vicereame spagnolo. Il vicerè Don Pedro Alvarez de Toledo , dopo l’eruzione del Monte Nuovo avvenuta nel 1538, diede inizio ad un’ opera di ristrutturazione del castello , conferendogli la sua caratteristica forma a stella.

L’edificio continua ad avere un carattere militare durante il vicereame spagnolo, ma anche sotto il dominio austriaco e borbonico. Difatti il castello fu occupato per una trentina d’anni da truppe austriache , poi nuovamente assediato durante il breve periodo della repubblica partenopea e successivamente subì un’ulteriore occupazione da parte delle truppe di Giuseppe Bonaparte.

La fortezza cessò di avere funzione militare nel 1887 , passando sotto l’amministrazione di diversi ministeri. Più tardi, nel 1927 si decise di riconvertirlo  in un ospizio per gli orfani di guerra , funzione che  permase fino al 1975. Fu durante questo periodo che il castello subì un’opera di restauro e molti rifacimenti che inevitabilmente ne alterarono, in certi casi, la conformazione.

Nel 1984 è passato alla Soprintendenza Archeologica di Napoli e Caserta e dal 1993 è sede del museo archeologico dei Campi flegrei .

Aldilà dei reperti di importanza storica ineguagliabile presenti in questo museo , basta la sua posizione a fare di questo castello uno dei luoghi più belli della nostra terra; affacciarsi dalla terrazza di questa fortezza, ammirare il mare che si perde all’orizzonte fa davvero riconciliare col mondo .

–  Gaia Borrelli

Written By
More from Gaia Borrelli

L’amore e il sangue dietro San Domenico Maggiore

In questa chiesa ebbe inizio una delle tante storie che popolano ,con...
Read More