Le statue dei re di Napoli a Piazza Plebiscito non piacevano a nessuno

Le statue di Palazzo Reale oggi sono viste con ammirazione da tutti i turisti, ma non dovevano star lì: furono costruite fra mille polemiche ed il disappunto di Umberto I. Oltretutto, non dovevano star lì dove sono state costruite. Come mai?
Palazzo Reale di notte

L’Italia è terra di polemiche, si sa. E le statue di Palazzo Reale furono criticate proprio dal Re che le volle far costruire!

Inizialmente Domenico Fontana, nel progetto originale, aveva previsto un enorme portico che affacciava sulla piazza.
Fu Luigi Vanvitelli a metà ‘700 ad eliminarlo, inserendo delle nicchie vuote. La ragione fu semplice: l’edificio era instabile e rischiava il crollo.
A dire il vero, Ferdinando II trovava oltremodo brutte quelle nicchie vuote e, quando restaurò il palazzo nel 1837, chiese a più riprese di trovare un modo per abbellirle, senza mai trovare soluzione. L’idea era quella di creare una serie di statue di marmo, ma non fu mai presa seriamente in considerazione. Ci pensò trent’anni dopo Umberto I a realizzare l’opera nell’ambito del suo piano di abbellimento di Napoli, tra non poche difficoltà.
Salvatore Di Giacomo, nella sua “Guida di Napoli” del 1911, rivela infatti una storia inedita delle statue:
Vanvitelli non lasciò traccia dei progetti e delle misure del palazzo Reale nella sua versione del ‘700 e gli ingegneri di cent’anni dopo si trovarono in grandissime difficoltà: le statue da inserire erano troppo alte rispetto alle nicchie, il marmo era inadatto e lo spazio a disposizione era minimo. Sarebbe bastato un nonnulla per farle cadere rovinosamente!
Come accontentare quindi le richieste di Ferdinando prima e poi di Umberto?
Fu una bella sfida, vinta proprio posizionando il piede di tutte le statue al di fuori delle nicchie, in modo da “equilibrare” il baricentro.
Fu quindi commissionata una statua per ogni artista al fine di velocizzare la realizzazione dell’opera finale, ma la soluzione fu criticatissima.

Il risultato secondo Di Giacomo fu un disastro: “il progetto non fu realizzato a dovere, con il sommo disappunto di Umberto: ogni artista aveva idee diverse e non ci fu una coordinazione responsabile fra le loro opere“. Ed anche il popolo prese di mira le statue, con il famoso racconto che vede protagonisti i personaggi di pietra.
Chissà cosa avrebbe pensato Di Giacomo, se avesse potuto vedere i turisti che oggi si fermano stupiti per fotografare le statue dei re di Napoli, contemplando la loro bellezza!

-Federico Quagliuolo

P.S.

La storia delle statue la conosciamo un po’ tutti e nacque proprio dalla vena ironica e dissacrante del popolo, che le riteneva proprio brutte.
Si dice che un giorno, vedendo la statua di Carlo V che indicava una chiazza d’acqua sotto la sua nicchia, avesse detto “chi ha fatto pipì?”
Carlo III di Borbone esclama “non sono stato io!”
Gioacchino Murat afferma “è colpa mia!”
E allora interviene Vittorio Emanuele II con la spada sguainata: “tagliammoce ‘o pesce!”

More from Federico Quagliuolo

Giovanni Ninni, uno dei padri della cardiochirurgia a Napoli

La scuola medica napoletana è una delle più antiche ed importanti del...
Read More