Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Sant’Agostino alla Zecca, il colosso abbandonato

10540716_1462228177389977_8943721737445316541_o

passeggiando tra i vicoli, scansando gli stendini ricolmi di panni, ci si ritrova dinnanzi a questo colosso dell’architettura:

Sant’Agostino alla Zecca è tra le chiese più grandi di Napoli, fu eretta da Carlo d’Angiò I, completata da Roberto d’Angiò nel 1287.
Ma i terremoti non le resero la vita facile, tant’è che nel 1456, fu radicalmente modificata da illustri architetti e decoratori secondo il gusto rinascimentale.
Un ennesimo terremoto, quello che parecchi di noi portano ancora dentro, fu quello del 1980 che chiuse definitivamente la chiesa al pubblico. Dichiarata inagibile, Sant’Agostino alla Zecca, vive nella solitudine da oltre 30 anni. Destata dal suo sonno profondo da sporadici interventi di restauro.

Chiunque, ammirando il panorama della città può scorgerla da lontano. Ed è proprio così che, noi Storie di Napoli, l’abbiamo scoperta, tentando di indovinare i nomi delle chiese dalle loro absidi e dai loro campanili.

Un destino grigio quanto il piperno che la decora, incastonata nel buio di una delle arterie che collegano Forcella al corso Umberto. Ai piedi della maestosa balaustra barocca si aprono dei singolari locali, sbarrati da portoncini in ferro, potrebbero sembrare degli ingressi a qualche misteriosa cripta, ed invece sono box auto che stridono con la magnificenza di questa bellezza addormentata nel cuore di Napoli.

-Roberta Montesano

Author: Roberta Montesano

Studentessa di Ingegneria Edile-Architettura. Sarebbe scontato dire che amo Napoli, più in generale, amo viaggiare e scoprire le culture del mondo. E quale modo migliore per imparare e ricordare nuove cose se non con la fotografia?

Share This Post On