Il sangue e l’amore dietro la Cappella di Sansevero

Un tradimento, un omicidio, l’amore di una madre. Cocktail perfetto per la trama di un film di successo?
Si tratta della vera storia della Cappella di Sansevero: di proprietà della famiglia Di Sangro, una delle famiglie più misteriose della Storia di Napoli.
Secondo racconti popolari, molti credevano che la cappella fosse nata per la devozione di un uomo che, condannato ingiustamente, si fermò a pregare la Madonna. Proprio durante l’atto di fede crollò un muro di un edificio vicinoro, mostrando il volto della Vergine. L’uomo fu successivamente dichiarato incolpevole e, per devozione, fece restaurare l’edificio crollato, che diventerà poi la Cappella di Sansevero. Leggenda. 
I protagonisti della storia reale sono tre: Fabrizio Carafa, Maria D’Avalos e Carlo Gesualdo. I primi due erano l’uomo e la donna più belli e desiderati di Napoli. Il terzo era il marito della D’Avalos.
Fabrizio e Maria, infatti, erano anche amanti focosi e consumavano il loro amore ogni notte, in ogni momento libero e con la passione più sfrenata e lussuriosa.
La relazione clandestina proseguì per mesi finché Carlo Gesualdo, grazie ad un tranello, non colse gli amanti nell’atto più intimo.
In un impeto d’ira, l’uomo disperato si scagliò su Fabrizio e Maria, uccidendoli con la spada e gettando i loro cadaveri squartati giù per le scale del Palazzo Sansevero.
L’omicida, poi, scappò via da Napoli per evitare vendette da parte delle famiglie degli assassinati.

Ed ecco la verità: la madre di Fabrizio, Adriana Carafa, raccolse il cadavere del figlio Fabrizio. Poi Giovan Francesco Di Sangro, il marito di lei, fece commissionare i lavori per realizzare una cappella per la salvezza dell’anima di un figlio perso tragicamente per colpa di un amore carnale.

Fu poi lasciato un messaggio ancora oggi leggibile sui dipinti del soffitto: “Mater Pietatis“. Madre di pietà, amore di mamma.

(Si ringrazia l’esemplare lavoro di ricerca della verità svolto da Beatrice Cecaro in “Madre di Pietà – Amore e morte all’origine della cappella di Sansevero“, libro che ha guidato il nostro racconto)

 

-Federico Quagliuolo

 

More from Federico Quagliuolo

La Vecchia Scorticata

Non voler invecchiare (e non saper invecchiare) è un problema antico ed...
Read More