Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Il culto delle anime pezzentelle

10444781_1428965530716242_2572776126556933784_n

“La napoletanità è una cosa unica. È chiaro che ogni città ha un suo calore, Napoli ce l’ha ma in maniera diversa, questa città vive le cose in maniera passionale, con un amore diverso da tutti gli altri.”

Tra miti e leggende ciò che stiamo scoprendo è una Napoli sorprendente ed è il suo popolo che la rende tale.
Oggi scopriamo una nuova usanza: il culto delle “anime pezzentelle”.

Alla fine dell’Ottocento alcuni devoti si coordinarono per riordinare le ossa in cataste negli ipogei delle chiese. Ed è proprio in questa occasione che alcuni di loro, spinti da un moto di amore verso le povere anime del Purgatorio abbandonate da tutti, adottavano una capuzzella, un teschio per intenderci.
Una volta operata la scelta, il cranio veniva spolverato, pulito e tirato a lucido, quindi gli si assegnava un nome e da quel momento il defunto entrava a far parte della famiglia.

Disposte ad allargare la famiglia erano soprattutto donne che, presumendo che l’anima del teschio si dimenasse tra le fiamme del Purgatorio, lo “refrigeravano” con le preghiere.

Ma, si sa, in questo mondo non si fa niente per niente, ed ecco che alle preghiere di refrigerio per la povera animella si accompagnava, immancabile, la richiesta di grazie, e se il favore tardava a realizzarsi, il devoto percuoteva o agitava lo “scaravàttuolo” (cassetta di vetro in foto) o si rivolgeva in via diretta alla capuzzella ricordandogli con tono severo la promessa.
Nel caso in cui l’animella non avesse ancora accontentato il devoto, per dispetto, quest’ultimo non spolverava più il cranio e, quando il manto di polvere si riformava, vi disegnava un cerchio in modo che l’anima si concentrasse.

-Roberta Montesano

Author: Roberta Montesano

Studentessa di Ingegneria Edile-Architettura. Sarebbe scontato dire che amo Napoli, più in generale, amo viaggiare e scoprire le culture del mondo. E quale modo migliore per imparare e ricordare nuove cose se non con la fotografia?

Share This Post On