Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Recent Posts From All Categories

Quando Vladimir Lenin frequentava Capri

Cent’anni fa, su un terrazzo della paradisiaca Villa Blaesus di...

Sott’a luna, Gaiola portasfortuna

Si dice che l’isola della Gaiola sia un luogo maledetto, un luogo “jellato” perchè la sua villa, costruita nel 1874, è stata teatro di numerose morti. Morti alle quali ancora si cerca una spiegazione. Che che questa leggenda sia solo frutto di fantasia, o c’è qualcosa di vero sotto?

Gli Alpini e il loro legame con Napoli

Gli alpini sono il più antico corpo di fanteria di montagna ancora attivo...

Lo juorno destenato: tortano o casatiello?

Nel 1704, come si usava presso la corte spagnola, fu disposto che dal...

Palazzo d’Avossa: il più grande edificio storico di Salerno

Con i suoi 1.330 metri quadrati di superficie e un’altezza superiore ai 20...

Parco Cerillo, una storia bella come la primavera

Mancano pochi giorni alla primavera, e noi vogliamo raccontarvi una storia...

Palazzo d’Avalos: un carcere vista mare

Quando si sbarca sull’isola di Procida, il primo pensiero va alla...

L’anfiteatro romano di Pozzuoli

Il giorno in cui visitai l’Anfiteatro di Pozzuoli era un bellissimo...

L’Inno borbonico scritto da Giuseppe Verdi

“Padania” e Regno delle Due Sicilie hanno solo una cosa in...

Il basolato vesuviano: l’élite della pavimentazione

Il basolato vesuviano è stato ammirato da tutti coloro che venivano a Napoli: Goethe, Moritz ma soprattutto le grandi capitale europee ci hanno invidiato la pavimentazione perfetta della nostra città.